Gocciagoccia

“Gocciagoccia” ci si innamora del teatro.

La nuova stagione teatrale della Casa di Pulcinella promette spettacoli per tutti sino a fine dicembre.

Casa di Pulcinella, Arena della Vittoria - Bari

 Formare il pubblico del teatro sin dalla più giovane età.

E’ questa la missione del Teatro Casa di Pulcinella, e il titolo della nuova stagione teatrale, da settembre a dicembre 2022, esprime appieno questo concetto: “Gocciagoccia” per anticipare i festeggiamenti che il prossimo anno celebreranno i 40 anni di attività del teatro che ha educato alla bellezza del palcoscenico migliaia di bambini e adulti.

 Dopo il grande successo del festival Felicità Adriatica organizzato nell’ambito degli eventi del Comune di Bari LedueBari, il Granteatrino riparte con un cartellone per famiglie, per grandi e piccini.

<<L’anno prossimo il Granteatro Casa di Pulcinella compirà quarant’anni – ricorda il direttore artistico Paolo Comentale - È un bel traguardo e vogliamo festeggiarlo con il pubblico realizzando una stagione lunga e intensa, invitando le migliori compagnie di teatro di figura, aumentando gli spettacoli per le famiglie, proponendo offerte speciali per il pubblico scolastico, intensificando il numero e la varietà dei laboratori per i ragazzi. Appartengo a una generazione che un giorno ha visto il primo uomo arrivare sulla luna. Il nostro sogno è portare ogni giorno i nostri spettatori in una dimensione poetica fatta di arte e di bellezza. Ci siamo riusciti? Speriamo. Certamente – conclude Comentale - non sono stati anni facili, in questo tempo il mondo è cambiato mille volte e, tra pandemie e guerre, non sempre in meglio. I nostri sono stati quarant’anni vissuti pericolosamente ma con l’autenticità che può nascere solamente dalla convinzione profonda delle nostre idee. Quindi tra altri quarant’anni ci saremo ancora. E’ questa la novità!>>.

 Ad aprire il cartellone della Casa di Pulcinella lo spettacolo di Silent Susi, attrice specializzata nella realizzazione di percorsi innovativi di promozione della lettura, nel teatro per ragazzi, nella conduzione di progetti didattici che mettono al centro l’arte mimica e dei linguaggi non verbali. Lo spettacolo in collaborazione con il festival “Educare alla letteratura”, a cura dell’associazione Leggere Coccole, andrà in scena domenica 11 settembre alle ore 18.00.  Un'occasione imperdibile per conoscere questa bravissima professionista per la prima volta in Puglia che porterà in scena 4seasons con le musiche di Antonio Vivaldi. Il mimo Susi Danesin, seguendo il programma musicale originale, disegnerà una narrazione inedita permettendo a chiunque di godere dell’esperienza, emotiva e didattica, che un’opera classica a carattere descrittivo come questa può offrire.

Il cartellone proseguirà ogni settimana con spettacoli e attività per tutte le età, e per le scuole: un percorso fatto di laboratori aperti ai più piccoli, e spettacoli aperti a tutti con il meglio delle produzioni artistiche dell’ultimo decennio nel campo del teatro di figura e del teatro per bambini e bambine, per ragazzi e ragazze.

 Sabato 17 e domenica 18 settembre sarà la volta della Compagnia degli Sbuffi di Perugia con La fiaba dei super eroi lo spettacolo di teatro di figura in cui principi, principesse, fate, maghi, nani e folletti dai super poteri cercano di difendere Cappucetto Rosso, Pollicino e tutti gli altri bambini del regno incantato, dai mostruosi e perfidi piani dei cattivi delle fiabe.

 In cartellone anche la Compagnia Diaghilev con tre spettacoli dedicati alle famiglie (Bartolomeo e Cioppina 24 e 25 settembre – Manigold 26 e 27 novembre) e agli adulti (La Ianara 6 e 7 ottobre).

 Ottobre vedrà in scena le produzioni più recenti del Granteatrino e grande spazio sarà dedicato alle giovani compagnie formatesi alla scuola di Paolo Comentale.

Sabato 1 ottobre Valentina Vecchio, giovane burattinaia del Granteatrino porterà in scena una sua produzione dal titolo Fortuna dove sei?

Seguirà domenica 2 ottobre, Madimù con La dea del cerchio di e con Marianna Dimuro. 

E poi ancora il Granteatrino con i titoli più amati e le storie più conosciute dal pubblico dei più piccoli: I tre porcellini (8 e 9 ottobre), Il principe e il povero (15 e 16 ottobre), Il gatto con gli stivali (22 e 23 ottobre).

 Il 29 e 30 ottobre la compagnia toscana Teatro delle 12 lune, come nelle migliori tradizioni del periodo, porterà in scena misteriose e strane creature che formano la compagnia del Transylvania Circus. Uomini drago che sputano fuoco, fantasmi acrobati, un malinconico licantropo capace di camminare in equilibrio sulla luna e poi lei, la stella dello spettacolo, l'affascinante donna vampiro, che si esibirà nell'arte del trasformismo.

Novembre si aprirà con l’arrivo del padrone di casa: il Pulcinella di Paolo Comentale, in programma sabato 5 novembre. 

Tra emozioni e colpi di scena, si rinnova il magico incanto del teatro di Pulcinella che vive dell'appassionata partecipazione del pubblico in un rapporto diretto e creativo con la rappresentazione che ha di per sé un grande valore. Pulcinella burattino è un magico folletto bianco e nero capace con la sua inesauribile gioia di vivere di catturare l’attenzione dei piccoli e dei grandi e quindi di farsi comprendere e apprezzare anche da pubblici internazionali.

 Domenica 6 novembre una inedita versione di Cenerentola in bianco e nero di Proscenio Teatro dalle Marche. Lo spettacolo racconta fedelmente la fiaba classica e attraversa i momenti più cari e noti al pubblico di ogni età: ci sarà in scena Cenerentola in carne ed ossa, col suo vestito sporco di cenere e con quello sfavillante con cui si presenta alla festa, ci sarà il Principe, la scarpetta abbandonata e tutto il resto. In scena anche pupazzi animati, situazioni divertenti e non mancherà il coinvolgimento diretto del pubblico.

 Sarà una Bella e la Bestia tutta toscana quella della Compagnia I Pupi di Stac. La messa in scena, sabato 12 e domenica 13 novembre, sarà una reinterpretazione della favola. Sul palco i burattini che con ironia, intrecceranno la storia al racconto regionale “Bellinda e il Mostro” riportato da Italo Calvino. 

 Il Granteatrino celebrerà la Giornata Internazionale dei diritti dell’infanzia sabato 19 e domenica 20 gennaio con lo spettacolo Celeste la fiaba dei Colori di e con Gianni Franceschini illustrattore e artista a tutto tondo. I colori dell’arcobaleno sono i protagonisti di questo spettacolo che parla con tono lieve ai bambini più piccoli di temi importanti quali diversità, inclusione e diritti.

 Dicembre, con l’arrivo della festa più amata dai bambini, vede in scena una serie di spettacoli dedicati al Natale:

sabato 3 e domenica 4 dicembre Il miracolo di San Nicola del Granteatrino che con i disegni di Emanuele Luzzati racconterà una delle più celebri leggende fiorite in ambiente medioevale su San Nicola, patrono della città di Bari, noto in tutto il mondo;

sabato 10 dicembre Il viaggio di Luna, il Granteatrino racconterà una storia che fa sognare, viaggiare e perché no, desiderare quanto c’è di più buono nella màdie delle cuoche Pina e Gina che raccontano con simpatia e tenerezza la storia di Luna;

domenica 11 dicembre ancora un Pulcinella ma questa volta sarà Massimiliano Massari della Compagnia Burattini al chiaro di luna a raccontare le avventure della maschera più celebre al mondo, alle prese con i preparativi natalizi in compagnia dell’austera moglie Teresina.

 In ultimo la Compagnia Onirica Teatro in scena sabato 17 e domenica 18 dicembre con Il Grinche che rubò il Natale, tratto dal libro per bambini “Il Grinch del Dr. Seuss”. Racconta la storia del Grinch che cerca di togliere il Natale agli abitanti di Chistaqua che si trova proprio sotto il suo rifugio di montagna. Si tratta di uno dei classici natalizi degli anni sessanta. Il Grinch, negli anni, ha conquistato l’affetto di generazioni di bambini, quasi al pari del suo antagonista, Santa Claus.

 Anche quest’anno è attiva la ormai consolidata collaborazione artistica con il Conservatorio  “N. Piccinni” di Bari per l’allestimento di mise en place con gli studenti del Conservatorio e gli attori/burattinai del Granteatrino per la messa in scena e la narrazione di storie e temi che coniuga in maniera inedita burattini, musica e attori. Il progetto artistico, nell’ambito di Risonanze del Levante porterà in scena Poesia in Musica venerdì 28 ottobre alle ore 18.00 presso l’Auditorium ad ingresso gratuito.

 Non mancheranno come di consueto attività di formazione e educazione alla visione teatrale per bambini, famiglie, scuole e docenti con laboratori artistici, teatrale e musicali progettati ad hoc e proposte di spettacoli adeguati al pubblico che frequenta gli spazi della Casa di Pulcinella.