Home Home

DOMENICA 20 SETTEMBRE 2020 ORE 18.00

IL TEATRO CASA DI PULCINELLA RIAPRE IN SICUREZZA. FINALMENTE CI SIAMO!

Compagnia Granteatrino

IL PRINCIPE E IL POVERO

liberamente ispirato al libro di Mark Twain
con Anna Chiara Castellano Visaggi e Giacomo Dimase
pupazzi Natale Panaro
scenografie Anna Chiara Castellano Visaggi
regia Paolo Comentale

età consigliata 4-10 anni
tecnica utilizzata attori, burattini

Lo spettacolo è organizzato nell'ambito della stagione teatrale 2019-2020 del Comune di Bari in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese.
Si accede allo spettacolo solo su prenotazione inviando una mail all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. indicando nome, recapito telefonico e numero partecipanti. Costo del biglietto: intero € 8,00 a persona; ridotto € 6,00 per gruppi di almeno 4 persone.
Ingresso gratuito per i bambini fino a 3 anni non compiuti.
Abbonati - Gli abbonati e possessori di biglietti acquistati e non utilizzati causa pandemia possono utilizzare gli ingressi fino al 31 dicembre 2020.

Per la messa in scena dello spettacolo Il Principe e il Povero, liberamente tratto dal grande classico della letteratura di Mark Twain, abbiamo tratto ispirazione dalle molte versioni animate e cinematografiche di questo capolavoro, amate e riconosciute dal pubblico dei bambini. Le differenze economiche possono influenzare tutta la crescita di un bambino, ma non minarne la vera natura. E dall’esperienza di vita si può trarre lezione, com’è dimostrato nella storia di Mark Twain. Il principe Edoardo e il povero Tom si incontrano e, stanchi della loro vita e molto simili nell’aspetto fisico, si scambiano i “ruoli”. Di qui tutta una serie di avventure, ma, alla fine, essi ne usciranno migliorati e sapranno rivelare la loro vera natura. Un allestimento molto giocoso in cui un narratore attore interagirà con gli spettatori per coinvolgerli nelle vicende e per dialogare con i burattini protagonisti della storia.

 

Il testo pone l’accento su quanto, nonostante le differenze economiche e culturali, la natura del bambino sia assolutamente la stessa a prescindere dalla provenienza familiare e come ognuno di essi possa, come il Povero di Twain, manifestare grande saggezza e generosità a prescindere dalla sua estrazione sociale.