Home Speciale scuole FAVOLE

FAVOLE

 

cicala formica

Compagnia Granteatrino

FAVOLE

liberamente ispirato alle Favole di Esopo

dalle illustrazioni di Nicoletta Costa
adattamento Paolo Comentale
con Anna Chiara Castellano Visaggi / Chiara Bitetti, Valentina Vecchio / Marianna Di Muro
pupazzi Lucrezia Tritone
scene Massimiliano Massari, Anna Chiara Castellano Visaggi
decorazioni scene Giulia Mininni
luci Cristian Allegrini
regia Marianna Di Muro

spettacolo di burattini, pupazzi, attori
età consigliata 3-7 anni

 

Lo spettacolo, diviso in due storie, si ispira alle favole di Esopo. Due anche i piani narrativi: uno delle attrici che “giocano” il ruolo di racconta storie, l’altro dei protagonisti delle favole, pupazzi realizzati per essere animati. Abbiamo scelto di mantenere alcune caratteristiche tipiche delle favole: la costruzione chiara e il tono colloquiale del dialogo.
La prima storia ci presenta i due personaggi principali, la cicala e la formica. Amiche da sempre, dal tempo in cui erano larve, crescendo si accorgono del loro essere diverse che le porterà a scontrarsi e litigare. La formica lavoratrice responsabile ritorna sempre al suo formicaio mentre la cicala canterina e curiosa svolazza libera tra alberi e colline.
Lo scorrere del tempo e l’arrivo dell’inverno aiuteranno a comprendere che c’è un tempo per il lavoro e un tempo per lo svago, ma anche che non si può cambiare la natura dell’altro.
“Perché voi formiche mettete da parte sempre tanto cibo?” chiede la cicala, “non lo so, è la nostra natura” risponde la formica.

Una riflessione per essere generosi ed accettare l’altro così com’è, senza la pretesa di cambiarlo.

Il secondo episodio che proponiamo prende spunto da “Il corvo e la volpe”.
Una volpe affamata mette in campo tutte le sue manovre più ingegnose per portare via il formaggio dal becco del simpatico ed ingenuo corvo.
L’antropomorfizzazione è un fondamentale segno distintivo della favola che assegna agli animali le peculiarità umane. La storie è adatta ad essere narrata ai più piccini per la sua brevità e per la struttura semplice.

La morale di Esopo è di non cedere alle lusinghe di chi ci loda solo per ottenere qualcosa.